Piante spontanee delle Grave - 5^parte

Si conclude con questa pagina il riepilogo delle piante spontanee commestibili (in gran parte) che si possono vedere nei prati e nei ghiaioni della zona Grave Tagliamento; ecco di seguito l’erba gatta (Urtìe di bòsc, Nepeta cataria), simile all’ortica ma appartenente alla famiglia delle mente, con foglie vellutate e per niente urticanti; leggermente sedativa, è molto amata dai gatti.DSCN9938
Una pianta davvero infestante; nei terreni coltivati, tra una semina e l’altra o a ridosso di prati e zone incolte, cresce in abbondanza il farinello (Farinèle, Chenopodium album), simile allo spinacio, si utilizzano le foglie cotte ripassato in padella o come ripieno di ravioli , ha proprietà digestive, contiene ferro e vitamina B1 ma anche contiene ossalati, va quindi consumato senza esagerazioni.DSCN9941
Un bel gruppo di achillee, già viste quiDSCN9948
e una bella pianta di ardielùt (Valerianella olitoria) già incontrato quiDSCN9950
di seguito un gruppetto di funghi piopparelli (?, Agrocybe aegerita), commestibile molto apprezzato, dal tipico profumo intenso, va comunque consumato cotto.DSCN9955
e per finire una pianta simile al tarassaco, è il dente di leone comune (Lidrichèsse, Leontodon hispidus?) utilizzato come verdura cotta, ha proprietà diuretiche; la radice tostata veniva anche utilizzata come il caffè.
DSCN9957
Ecco a fine mattinata, la cernita e l’utilizzo delle varie verdure raccolte, verranno poi lessate in poca acqua bollente e consumate con un filo d’olio o unite alle uova per una buona frittataDSCN9959
DSCN9960
nelle prossime puntate il “gran finale” con una mattinata nei prati stabili della zona di Pasian di Prato (UD) in località Bonavilla, un territorio ricco di tesori naturalistici da preservare e conoscere che necessiterà senz’altro di numerosi post.

Commenti

Post popolari in questo blog

Piante spontanee di primavera - 6^parte

Piante spontanee di primavera - 3^parte