Piante spontanee di primavera - 1^parte

L’appuntamento è presso il Parco delle Risorgive di Codroipo, la guida è Stefano Da Ros tecnologo alimentare, liquorista ed esperto di piante spontanee alimentari qui in veste di docente del corso “Conoscere le piante spontanee ad uso alimentare” che si tiene presso il Cefap di Codroipo. La camminata inizia all’ombra degli olmi (Ol-Olm-Ulmus campestris) i cui frutti (le tenere samare) erano utilizzati nell’alimentazione dei suini mentre dalla corteccia si ricavava una pomata per le malattie della pelle, si possono inoltre inserire nelle insalate;DSCN9677
proseguendo ecco un’altra pianta spontanea molto utilizzata in cucina: l’ortica (Urtìe-Urtica dioica), ricca di sostanze proteiche e minerali, in particolare di ferro, potassio ed azoto, era utilizzata per l’alimentazione degli animali ma anche come antireumatico utilizzando le foglie fresche,  con una sbollentata si eliminano i peli urticanti e può essere utilizzata (i giovani germogli o comunque raccolta prima della fioritura) per la preparazione di minestre, risotti ed anche come verdura cotta con proprietà astringenti. DSCN9680Nel nostro cammino si incontrano anche piante tossiche: si tratta del gigaro (Lenghe di lôf-Arum italicum) con foglie simili alla calla, il fiore ha un forte odore di putrefatto:DSCN9682
Di seguito ecco invece una pianta molto usata in erboristeria, la valeriana (Jerbe pàssare-Valeriana officinalis) predilige spazi umidi e dalle sue radici si ricava un sedativo calmante da utilizzare ad esempio in casi di insonnia dovuti a stati di agitazione. DSCN9684
Pochi passi ed ecco la lapsana (Conviéli-Lapsana communis) dalle foglie tenere, non amara e da consumarsi come verdura cotta. DSCN9686
La mattinata è ancora lunga e le piante che si incontrano in una zona che dovrebbe essere in maggioranza composta da risorgive, ora totalmente asciutte a causa della mancanza di pioggia, sono ancora molte;…il seguito alla prossima puntata.

Commenti

  1. Le erbette sono messaggio di Primavera, è interessante conoscerle, cosa che ai nostri giorni risulta veramente impegnativo, credo che questo tipo di informazioni possano aiutare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Emigrazione friulana d’altri tempi

Piante spontanee di primavera - 6^parte