Finanziamenti LR 15/96 Provincia di Pordenone- NUIA AL FURLAN !

Confrontant la risposta vuda dal President da la Provincia di Pordenon sui contribûts a la lenga furlana cun i finanziaments rivâs a Volesòn par altris manifestazions si pos jodi che la crisi no val par ducju, chista a è la nostra replica:

Dalla risposta del Presidente della Provincia sui mancati finanziamenti alla LR 15/96 per le iniziative riguardanti la valorizzazione della lingua friulana, ed in particolare la mancata assegnazione di contributi alla Rassegna del Teatro Friulano che da 26 anni si tiene in ottobre-novembre presso l’Auditorium delle Scuole Medie, si deduce che tali contributi sono stati utilizzati per scopi sociali ovvero verso le famiglie e i lavoratori in difficoltà; non è sicuramente lo scopo che viene messo in discussione, ciò che ci si chiede è come mai invece per alcune associazioni i contributi provinciali non siano stati ridimensionati e per altre invece siano stati dimezzati o azzerati. Per completezza di informazione possiamo indicare un riepilogo dei finanziamenti provinciali per il 2010 arrivati ad alcune associazioni di Valvasone: gli stanziamenti quindi non mancano ma nessuna delle iniziative contempla la promozione della lingua friulana; ad un’unica associazione sono andati i seguenti contributi: euro 10.000 euro per LR 8/2003 “Contributo per la danza folcloristica” (stesso importo riscosso anche nel 2009-2008-2007), euro 4.000 per LR 68/1981 “XI a Rassegna musica antica medioevale” ed infine anche se stanziati a novembre 2009, ricordiamo il contributo di euro 10,000 ad altra associazione per manutenzione area ricreativa. Che dire quindi sul fatto che su suggerimento degli Uffici della Provincia, iniziative come il Giro dei falò (che si tiene la sera precedente l’Epifania, per rivitalizzare ed incentivare il perpetrarsi della tradizione dei fuochi epifanici, il Circolo in collaborazione con il Gruppo Marciatori di Valvasone e con la partecipazione del locale Gruppo Scout, organizza infatti ininterrottamente “con buono o cattivo tempo, pioggia, gelo o neve” dal 1976, un itinerario che collega i falò di ogni borgata), siano state escluse dalla richiesta di contributo, facendo quindi solo riferimento al “buon cuore” di sponsor privati locali, in quanto definita iniziativa del tipo “tradizional-folcloristica”. Altre meritevoli associazioni che da anni valorizzano il territorio e le preziosità storiche ed artistiche di Valvasone, hanno invece visto dimezzare le entrate. Ci saranno sicuramente anche su questo valide motivazioni che ai “beati” del Circolo Culturale possono sfuggire ma pensiamo che il pubblico, non solo valvasonese, sappia autonomamente trarre le dovute conclusioni sulla penalizzazione delle iniziative culturali riguardanti la lingua friulana. Altre associazioni della provincia che propongono iniziative in friulano (non solo teatro ma anche pubblicazioni) hanno subito lo stesso trattamento, non siamo quindi i soli ad attendere una motivata risposta sui criteri di distribuzione dei fondi, non solo dal Presidente della Provincia ma anche dalla Giunta e dalla Commissione Cultura.

Commenti

Post popolari in questo blog

Emigrazione friulana d’altri tempi

Piante spontanee di primavera - 6^parte