42a Stagione Concerti Valvasone 2015–10 maggio

Valvasone Concerti ridDomenica 10 maggio con inizio alle ore 17,00 a Valvasone, nel Duomo del Ss. Corpo di Cristo, si svolgerà il II° concerto della 42a Stagione proposta dall'Associazione per i Concerti di Musica Antica: Delle musiche che si fanno sopra gli organi con voci & stromenti.

Protagonista del concerto sarà il cornetto che verrà suonato da uno specialista mondiale: Doron David Sherwin insieme con gli altri componenti l' Ensemble La Pifarescha.

Nel concerto “Nelle cantorie, in sfarzose cerimonie”, il gruppo eseguirà musiche di G. Guami, P. Lappi, B. Marini, G. Frescobaldi, C. Monteverdi, H. Biber su strumenti a fiato (tromboni e cornetto), violino e organo.
Doron David Sherwin cominciò lo studio del cornetto a 18 anni. La passione per questo straordinario strumento lo ha portato in Europa, dove ha conseguito il diploma di cornetto (il primo consegnato da almeno 350 anni) presso la Schola Cantorum Basiliensis sotto la guida di Bruce Dickey, assieme al quale si è prodotto in tutto il mondo come membro stabile del Concerto Palatino, largamente riconosciuto come uno dei complessi preminenti della musica antica. Elogiato dalla critica come "uno dei migliori strumentisti del mondo", (emblematica la recente pubblicazione nella rivista discografica francese Diapason, che lo ha citato come "Doron Sherwin, l'éxtraterrestre"), Sherwin è uno dei pochi virtuosi del cornetto, strumento principe del Rinascimento e del primo Barocco.
La Pifarescha nasce come formazione di Alta cappella, organico strumentale di fiati e percussioni diffuso con il nome di “Piffari” e ampiamente celebrato in tutta l’Europa del Medioevo e del Rinascimento. I Piffari erano attivi sia autonomamente che in appoggio ad altri organici strumentali, vocali, o gruppi di danza. La Pifarescha unisce ed alterna le ricche ed incisive sonorità dell'“alta” con quelle più morbide della “bassa cappella”, attraverso l'utilizzo di un ampio strumentario: tromboni, cornetti, trombe, bombarde, cornamuse, ghironda, dulciana, flauti, viella, viola da gamba, percussioni, salterio e molti altri. Inoltre segue la progressiva evoluzione che porterà il gruppo di alta cappella a trasformarsi nel consort nobile per eccellenza tra Rinascimento e Barocco: i “cornetti e tromboni”. Questa formazione, ormai profondamente mutata pur mantenendo spesso il vecchio nome di piffari, diventa un'altra caratteristica distintiva delle possibilità di organico de La Pifarescha, e viene ulteriormente ampliata con l'integrazione di strumenti a tastiera, archi e voci, in piena aderenza con i canoni estetico-stilistici del repertorio del XVI e XVII secolo. Attiva in vari settori dello spettacolo è presente in importanti Festival Internazionali.
Ricordiamo inoltre la visita guidata ai beni artistici e culturali di Valvasone tra le ore 15 e le ore 16.40. Ritrovo dei partecipanti alle ore 15 in piazza Duomo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Emigrazione friulana d’altri tempi

Piante spontanee di primavera - 6^parte